C-Cinque + 1 – speciale fumetto – Paolo Di Orazio

CCinque + 1 le cinque domande +1 di Salvatore Stefanelli

Cinque domande + 1, adattate questa volta in uno speciale per parlare di fumetto, per un botta risposta con l’autore, per scoprirlo, per conoscerlo, e perché no… per leggerlo!

fumetto30 paolo

1) Ciao Paolo. Quando hai scritto e disegnato la tua prima storia a fumetti, quale genere prediligi per le tue storie e cosa ti piace leggere, anche di non fumettistico?

La mia prima storia a fumetti l’ho disegnata intorno ai dieci anni, sui fogli da disegno Fabriano. Una parodia, Barzan contro Bulk, a imitazione Jacovitti: volevo far lottare Tarzan e Hulk secondo una parodia degna di Gianni e Pinotto. Il primo pubblicato, invece, risale al 1987 ed è uscito su un mensile hardcore per adulti della Epp, «Fichissimo». Un horror, Gastrofobia, ovvero la storia di uno stomaco che prende il sopravvento sul suo padrone. A quel punto, il mio stile era un grottesco a (timida) imitazione Magnus. Non ho proseguito nella carriera come disegnatore poiché ho scoperto di avere più velocità ed efficacia in veste di scrittore, ma non ho del tutto mollato l’illustrazione. Come lettore di fumetti, non ho un genere prediletto purché il disegno sia assolutamente fantastico. Adoro tutto il mondo Marvel-Corno 1960-’70, Super-Eroi e horror, Alan Ford in testa. Tra gli altri miei autori preferiti: Segura, Ortiz, Abuli, Bernet, Trillo, Quino. Per quanto riguarda altre letture, alla narrativa preferisco i saggi scientifici e le biografie rock.

2) Di tutto quanto hai pubblicato, cosa consiglieresti a chi vorrebbe leggerti e perché? Preferibilmente un titolo solo.

Consiglierei senza esitazione Il Bambino dei Moschini, (Cut-Up Publishing) scritto e sceneggiato da me e disegnato da Andrea Domestici. È una specie di fantasy dark, adatto a un target davvero ampio. Tavole spettacolari, per un personaggio che ha avuto veramente un destino editoriale difficile, a partire dal 2009, fino al suo approdo finale in Cut-Up Publishing nel 2014. Dovrebbe essere in fumetteria, in tre albi formato comic-book, oppure ordinabili al link sottostante: https://cut-up-publishing.ecwid.com/PACK-BAMBINO-DEI-MOSCHINI-Tutta-la-miniserie-di-3-albi-SCONTATA-e-con-la-SPEDIZIONE-GRATUITA-p117514927

fumetto30 bambino3) Consigli per chi si approcci adesso al mondo del fumetto autoriale: cosa fare e cosa non fare, secondo te.

Cosa fare: lavorare tanto, vedendo come lo fanno gli altri, studiando gli autori classici, studiando anatomia (vale anche per l’umoristico) e soprattutto, leggere tanto. Cosa non fare: cercare scorciatoie di stile col pretesto “è la mia cifra”. Se a qualcuno lo stile grunge (chiamiamolo così) ha portato fortuna, non significa che sia un canone valido per tutti e per sempre.

4) Quale storia stai scrivendo/disegnando in questo periodo o, quale vorresti?

Sto attualmente scrivendo un racconto di fantascienza per un progetto del marchio editoriale Kipple. Per quanto riguarda il disegno, ora che ho trovato uno stile nuovo, vorrei mettere in piedi un mio personale omaggio a uno dei miei scrittori preferiti, ma altro non svelo. Sul versante narrativa, invece, vorrei scrivere un bel thriller e due romanzi di formazione, non horror, quindi. Ma prima, torno a disegnare sicuramente.

Intanto, per coprire questo momento di riflessione, pubblico su Amazon una serie cronologica di romanzi e racconti horror fuori catalogo, che uscirono tra il 1989 e il 2009, e a breve uscirà per Edizioni D il mio libro di esordio, Primi delitti, che nel 1990 fu denunciato dal Parlamento per istigazione a delinquere.

5) Quale autore, anche non necessariamente di fumetti, presente o passato, ti piacerebbe poter conoscere e cosa vorresti dirgli?

Stan Lee, Jack Kirby, Steve Ditko, Magnus, Luciano Secchi, Stephen King, Clive Barker, Poe, per dir loro che sono stati una sorta di famiglia, di allevatori, di educatori. Ho letto moltissimo di questi autori, sin dal 1971 e posso realmente dire di essere cresciuto con quasi tutto ciò che hanno scritto e disegnato. Senza le loro creazioni, non sarei la persona che sono. Non ho dubbi. Dal ’71 al ’78 ho divorato «L’Uomo Ragno», «Fantastici Quattro», «Thor», «Devil», «Gli Eterni», «Kriminal», «Satanik», «Alan Ford», ma anche «Topolino» e «Tiramolla». Non mi sono fatto mancare nulla, anzi, soltanto i fumetti di guerra. Naturalmente, di nascosto ho letto tutti gli erotici della Ediperiodici e Edifumetto, specialmente «Oltretomba»: belle donne e tanto hard-gore.

5+1) Raccontati in un racconto.

Quando suo padre lo prese tra le braccia appena nato, era viola in volto. Si stava impiccando con il cordone ombelicale, tentativo è andato storto. Forse al suo cervello è accaduto qualcosa ma non lo sappiamo. Infante, ha paura dell’acqua e del buio ma non del fuoco, che diventa un amico molto pericoloso. Dimostra prematuramente interesse per il disegno e la musica, sia da leggere e ascoltare, sia da eseguire. Dualità che lo divide in due una volta per sempre. Frequenta a Roma un corso di fumetto a 16 anni, a 20 inizia a lavorare in una casa editrice, scrivendo testi per mensili per adulti. Nel 1989, l’horror diventa il suo mestiere alla scrivania del mensile a fumetti «Splatter» (ACME, 1989), e per i successivi 30 anni esplora l’irrazionale con romanzi e racconti per le migliori case editrici italiane, sceneggiando per «Cattivik» (ACME), «Heavy Metal», «Splatter» (ACME), e su antologie varie, più una breve escursione su Zagor. Si dice che ora stia prendendo una pausa dall’horror.

Grazie, Paolo, per essere stato con noi a raccontarci un po’ di te, delle tue passioni. Canestrini per i tuoi progetti e per la vita.

Grazie a te, Salvatore, per l’opportunità, è stato un piacere.

 

cc  CSide Writer – Salvatore Stefanelli  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...