C-Cinque + 1 – speciale fumetto – Fabrizio De Fabritiis

CCinque + 1 le cinque domande +1 di Salvatore Stefanelli

Cinque domande + 1, adattate questa volta in uno speciale per parlare di fumetto, per un botta risposta con l’autore, per scoprirlo, per conoscerlo, e perché no… per leggerlo!

1) Ciao Fabrizio. Quando hai scritto e disegnato la tua prima storia a fumetti, quale genere prediligi per le tue storie e cosa ti piace leggere, anche di non fumettistico?

Ciao. La mia prima storia a fumetti scritta e disegnata da me l’ho realizzata nel lontano 1990, quando avevo 16 anni. Un pastrocchio mal disegnato con un protagonista simil jedi con il volto di Ken il Guerriero. Ora la custodisco segretamente. L’ha vista solo mia moglie Chiara e ha riso per una settimana. E’ in effetti una cosa inguardabile. Come professionista, invece, la prima storia che ho scritto e realizzata è stata per il mio personaggio Bart Grave per la Running Edizioni di Genova, nel 2000.

2) Di tutto quanto hai pubblicato, cosa consiglieresti a chi vorrebbe leggerti e perché? Preferibilmente un titolo solo.

Sicuramente la saga di Romabot Centurion – Il Cuore di un Dio (EMMETRE EDIZIONI) pubblicata in tre volumi. La storia e le ambientazioni sono accattivanti, ed è in sostanza un racconto in cui l’amore si contrappone alla guerra unendo due persone che vengono da realtà molto distanti. Inoltre, è l’unica opera con una conclusione definitiva. Tutti gli altri miei fumetti, infatti, hanno finali abbastanza aperti o sono ancora in fase di continuazione, come Defenders of Europe e il recente Guardiani Italiani.

3) Consigli per chi si approcci adesso al mondo del fumetto autoriale: cosa fare e cosa non fare, secondo te.

Non sono granché bravo a dare consigli. Personalmente ritengo che l’unica strada sia quella di seguire fino in fondo i propri sogni e le proprie passioni. Il che significa crederci e sacrificarsi praticamente in maniera totale o quasi. Però, senza aspettarsi troppo, difatti la vita non sempre ripaga per gli sforzi fatti. E’ una realtà triste, ma è la realtà.

4) Quale storia stai scrivendo/disegnando in questo periodo o, quale vorresti?

In questo momento sto scrivendo il volume 2 di Guardiani Italiani e altri miei fumetti sempre legati a questo progetto. Sul fronte disegno, invece, sto ultimando una storia di Zagor. Con il personaggio bonelliano, famoso anche con l’appellativo di “Spirito con la Scure”, mi sto divertendo molto perché adoro disegnare il western. In questo caso, poi, anche l’ambientazione è molto suggestiva e ricorda film come L’ultimo dei Mohicani che non è un western classico, ma è molto suggestivo.

5) Quale autore, anche non necessariamente di fumetti, presente o passato, ti piacerebbe poter conoscere e cosa vorresti dirgli?

Guido Nolitta alias Sergio Bonelli, autore e editore purtroppo scomparso, perché senza i fumetti della Sergio Bonelli Editore probabilmente non mi sarei mai appassionato al media fumetto e poi perché era una persona molto avventurosa, con i suoi viaggi in terre lontane, specie l’Amazzonia. L’ho conosciuto e incontrato più volte, e in un’occasione mi fece anche i complimenti per i miei disegni, questo molti anni prima di quando ho iniziato a lavorare per la Bonelli. Ora gli direi grazie, perché senza di lui, senza la sua Sergio Bonelli Editore che mi ha fatto scoprire i fumetti, non sarei qui a fare questo lavoro.

5+1) Raccontati in un racconto.

C’era una volta, tanto tempo fa in una galassia lontana, un piccolo sognatore di nome Fabrizio che viveva in un cortile circondato da tre grandi palazzi. Fabrizio, mentre giocava in quel cortile, sognava avventure per terre e mari lontani, in cerca di tesori e belle principesse da salvare. Il destino, tuttavia, gli aveva riservato una vita piuttosto noiosa e priva di stimoli. Quando, però, giunse il suo sedicesimo compleanno, Fabrizio scoprì la chiave per accedere al mondo della fantasia, così da creare e vivere quelle avventure che sognava da bambino. Nonostante le difficoltà da affrontare per credere nei suoi sogni, il piccolo Fabrizio, ormai divenuto grande, continua ancora oggi a vivere oltre lo spazio e il tempo, nella dimensione della fantasia, dove ha creato il suo fantastico universo a fumetti in cui vivere l’avventura.

Grazie, Fabrizio, per essere persona di passioni e di fantasia, per proporre tra nuvolette e carta queste tue qualità e per avercene parlato qui, tra amici. Canestrini per i tuoi sogni futuri, per le trame e i disegni che scaturiranno dalla tua bravura e per la vita, comunque e sempre.

Ringrazio Salvatore per l’opportunità di questa bella intervista e i lettori che hanno speso tempo nel leggerla. Spero vi siate divertiti nel leggerla e se magari vi andrà di scoprire uno dei fumetti scritti e/o disegnati dal sottoscritto. Grazie di cuore a tutti.

 

cc  CSide Writer – Salvatore Stefanelli  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...