NOI SIAMO VENDETTA – Diego Di Dio

C-BookLe recensioni (364)

NOI SIAMO VENDETTA

Diego Di Dio

(Delos Digital)

Il lato A (la copertina)

Il lato B (la storia, i protagonisti)

Tre racconti, tre storie di vendetta, perché non importa come a ciascuno piaccia gustarla, ma è un dato di fatto che tutti almeno una volta abbiamo pensato di metterla in atto. Ma qual è quel filo sottile che si spezza e ci fa cadere nel barato, cosa trasforma il pensiero di vendetta in bramosia e infine in quel delirio che si sazia solo con la morte?

Diego Di Dio ripropone tre storie di quando ha iniziato a calcare la scena della pubblicazione, e non parliamo di tre racconti a caso, ma parliamo di pubblicazioni avvenute sulle pagine dell’icona del giallo italiano, Il Giallo Mondadori.

Partendo in ordine cronologico da “Il canto dei gabbiani”, la via della vendetta viene tracciata sulle ali della gelosia, seguendo la rotta di un amore che si credeva puro, seguendo la rotta di un amore che s’infrange come s’infrangono le onde sulla battigia. E da quel sentimento svilito e forse anche svanito nasce un nuovo sentimento malato che si auto alimenta fino a quando la vendetta non si è consumata.

Nel racconto “I dodici apostoli” invece la vendetta è partorita dall’invidia, e qui non serve chiedersi quale delle due cose sia peggiore, l’unica verità raccontata da Diego Di Dio è che l’una si nutre dell’altra e allo stesso tempo la fa crescere.

Ne “L’uomo dei cani” invece la vendetta è il riscatto da un dolore profondo, da quel dolore che solo una madre può conoscere, e quando il colpevole viene svelato non si può quasi fare a meno di provare una certa empatia, anche se sappiamo che quello che ha fatto, non servirà a lenire quel dolore.

Tre racconti che vivono la vendetta in maniera diversa, e che raccontano storie così diverse tra loro da fare pensare che confondere la vendetta con la ricerca della sensazione di giustizia a volte sia davvero troppo facile. Il valore aggiunto in questo libro (quindi parliamo di quella parte che va oltre il talento dello scrittore), è dato dalle brevi postfazioni che seguono ogni racconto, che rivelano come è nata la storia nella mente dell’autore e come si è evoluta. Piccoli segreti, piccoli racconti nel racconto che aggiungono una sensazione di autenticità a tutto quello che è stato scritto.

Non mi è mai capitato di aggiungere questioni personali alle recensioni, ma in questo caso farò un eccezione proprio come in quelle brevi postfazioni, con l’intendo di dare merito a Diego Di Dio, del quale credo di aver letto quasi tutto ciò che ha pubblicato. Generalmente leggo di tutto senza preclusione di generi e autore, poi anch’io ho i miei preferiti, Diego è fra questi, non solo per l’innegabile talento della sua penna, o per l’attenzione che pone in ogni suo lavoro, ma perché il nostro approccio è stato sincero. Ci siamo conosciuti per caso, lui perché cercava di raggruppare degli autori in una raccolta di racconti apocrifi, io perché cercavo un’occasione per scrivere. Il caso ha voluto che entrambi scegliessimo lo stesso personaggio, ma entrambi eravamo disposti a rinunciare al personaggio l’uno in favore dell’altro. Alla fine l’antologia non si è più concretizzata, ma in quell’occasione ho capito che la disponibilità che ti viene donata in maniera sincera è forse una di quelle poche cose che vanno tenute strette.

Il lato C (il pensiero di CSide Writer)

La vendetta ha troppe facce per essere intesa in una sola maniera

Dopo il lato C (una citazione, una frase)

Tratto da “Il canto dei gabbiani”

Il silenzio della natura non è mai assoluto.”

cc CSide Writer – Marco Ischia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...