NATALE ROSSO SANGUE – Arrighi – Lama – Landini – Pulixi – Vicidomini

C-BookLe recensioni (334)

NATALE ROSSO SANGUE

Gianluca Arrighi – Diego Lama – Riccardo Landini

Piergiorgio Pulixi – Letizia Vicidomini

(Cento Autori)

Il lato A (la copertina)

Il lato B (la storia, i protagonisti)

Cinque storie narrate con stili diversi, con abientazioni diverse, con personaggi che soffrono, con storie che colpiscono duro, ma anche con quel pizzico di speranza che a Natale tutti noi un po’ desideriamo.

Il lato C (il pensiero di CSide Writer)

Natale è… o può essere ciò che c’impegnamo a fare affinché lo sia.

La prima moglie del professor Filanti

Gianluca Arrighi

Il lato B (la storia, i protagonisti)

Una vicenda raccontata con semplicità, perché quando una storia ha una trama ben costruita, non servono parole particolari per sorprendere il lettore, non servono narrazioni dotte, ma semplicemente raccontare i fatti. Gianluca Arrighi li racconta così come sono avvenuti, evento dopo evento, con quel passaggio dall’amore alla scoperta della follia che in parte inquietano proprio perché narrati come eventi oggettivi, dei quali on si può dubitare. Di quello in cui invece sembra dover dubitare è la natura umana.

Il lato C (il pensiero di CSide Writer)

La natura umana può essere perversa

Dopo il lato C (una citazione, una frase)

Tratto da pag. 8

Le tracce di ciò che avvenne sono diventate confuse, quasi incoerenti. Eppure è una vicenda accaduta a gente vera.

Occhi di Natale

Diego Lama

Il lato B (la storia, i protagonisti)

Claustrofobico, diretto, incalzante. In questo racconto Diego Lama porta il lettore in un confronto preda-predatore, minando di volta in volta il ruolo di ciascuno. Perché la donna è legata a una sedia? Chi è quel folle che le sta parlando? E cosa c’è appeso a quell’albero di Natale alle spalle dell’uomo? Per avere le risposte non rimane che leggerle dando voce ai protagonisti.

Il lato C (il pensiero di CSide Writer)

Ogni albero di Natale ha il proprio addobbo

Dopo il lato C (una citazione, una frase)

Tratto da pag. 35

Fai troppe domande: le altre piangevano e urlavano, e pregavano. E basta.

Il valore del merlo

Riccardo Landini

Il lato B (la storia, i protagonisti)

Un commissario vecchio stile, uno di quelli che conducono le indagini a sensazione. Perché le sensazioni in alcuni casi sono importanti, e quel suicidio senza testimoni, proprio non gli va giù. Una scrittura piena in cui Riccardo Landini fa riflettere sul suicidio, sull’attaccamento alla vita, e senza dubbio anche sul valore di quest’ultima.

Il lato C (il pensiero di CSide Writer)

Il valore di qualcuno o di qualcosa è sempre relativo

Dopo il lato C (una citazione, una frase)

Tratto da pag. 56

Non ne poteva più di sopportare l’insensibilità, la grettezza, il cinismo che pure talora anch’egli ostentava per necessità del mestiere o, magari, soltanto per sopravvivere.

Il regalo di Natale

Piergiorgio Pulixi

Il lato B (la storia, i protagonisti)

Una storia di solitudine e di sofferenza. Una storia che affronta la solitudine in maniera diversa, anzi da diversi punti di vista. Perché quando ci si sente soli, bisognerebbe ricordarsi che c’è sempre un altro modo di vedere le cose, di vedere la vita. E proprio quando tutte le famiglie si riuniscono alla vigilia del Natale, allora le fratture innescate dalla solitudine diventano brecce insuperabili, ferite profonde che fanno più male dl solito. Poi c’è chi da questa solitudine emerge e cerca di aiutare gli altri. E si sa i miracoli avvengono sopratutto quando è Natale.

Il lato C (il pensiero di CSide Writer)

Aprire il cuore è come aprire la porta per uscire dalla solitudine

Dopo il lato C (una citazione, una frase)

Tratto da pag. 85

Spesso allontaniamo gli altri perché riflettono troppo nitidamente noi stessi.”

Luomo del Natale

Letizia Vicidomini

Il lato B (la storia, i protagonisti)

La rassegnazione, può portare al vuoto, e il vuoto può portare alla follia. Perché quando non riesci a rialzarti dalle avversità della vita, e non accetti l’aiuto di chi ti ama, allora quelle avversità non si smussano, ma crescono a dismisura. Quella raccontata da Letizia Vicidomini è una storia di sofferenza, una storia di violenza, una storia di rassegnazione, e forse anche una storia di redenzione, perché a volte il Natale è magico e l’uomo del Natale porta con se la magia.

Il lato C (il pensiero di CSide Writer)

La decadenza nel barato, dove tutto appare sbagliato, può portare alla follia.

Dopo il lato C (una citazione, una frase)

Tratto da pag. 105

il mondo ruota intorno al suo dolore e gli è debitore.

 

cc CSide Writer – Marco Ischia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...