C-Cinque + 1 – speciale editore – Edizioni Mea

CCinque + 1 le cinque domande +1 di Salvatore Stefanelli

Cinque domande + 1, sempre le stesse, per un botta risposta in uno speciale con l’editore, per scoprire le sue proposte, per scoprire la casa editrice, e perché no… per leggerlo!

 

1) Ciao Antonio. In poche parole: da quando pubblichi, cosa pubblichi e cosa leggi?

Edizioni MEA non ha una linea editoriale fissa, l’unico elemento in comune che cerchiamo di far essere sempre presente, nei limiti del possibile, è la “Napoletaneità”, che sia l’origine dell’autore, il contesto della pubblicazione o un elemento all’interno. Cosa leggo? Sono molto appassionato del genere thriller/religioso e dei gialli.

2) Di tutto quanto hai pubblicato, cosa consiglieresti ai lettori e perché? E cosa avresti voluto pubblicare che, invece, hanno fatto altri?

Ogni singolo libro che pubblichiamo è un vero figlio che entra nel nostro stato di famiglia, ed i figli si sa che sono tutti uguali. Non riesco a consigliarne uno in particolare, sentirei di far torto ad un altro, per questo invito tutti a fare un salto sul nostro store e scegliere di adottare un nostro figlioletto. Tuttavia se proprio devo fare una preferenza, si sa che il primo figlio è sempre quello ha un posticino riservato. Il nostro primo figlio è “Ivo l’Ulivo” di Cosimo Greco… ora gli altri autori mi chiameranno, già lo so 

3) Consigli per chi si approcci adesso alla scrittura: cosa fare e cosa non fare, secondo te.

È un momento di fermento letterario, tutti scrivono, ma dall’altra parte pochi leggono. Scrivere non è per tutti, è un dono, un talento, o lo si ha o è meglio evitare di cimentarsi in simili imprese. I vari corsi di scrittura che creano un mercato di nuovi aspiranti autori possono solo aiutare chi ha già questo talento a migliorarlo.

4) Cosa stai pubblicando in questo periodo o, cosa vorresti pubblicare?

Siamo in piena attività produttiva in questo periodo, abbiamo in cantiere per Natale un fantasy ambientato a Napoli, una spystory in pieno stile anni 60, una pubblicazione che tratterà l’argomento dello “sputtanamento” mediatico di Napoli, una bella favola per bambini, una raccolta di 23 autori sull’infanzia negata e la biografia di un’icona della musica classica napoletana.

Cosa vorrei pubblicare? La prossima fiction su RaiUno se fosse possibile, grazie!

5) Quale autore, presente o passato, ti piacerebbe poter conoscere e cosa vorresti dirgli?

Da sempre ho adorato I promessi sposi, se proprio fosse possibile vorrei tornare indietro nel tempo e scambiare due chiacchiere con Manzoni. Nel presente vorrei conoscere la vera, o il vero, Elena Ferranti e chiedergli cosa si prova ad essere un illustre anonimo.

5+1) Raccontati in un racconto.

Di me c’è tanto o poco da raccontare, dipende da quanto tempo avete per leggere, ma non starò qui a dire “Era il 1974…”. Sono solo una persona che ha avuto la fortuna di incontrare il socio giusto, Enrico Pentonieri, per iniziare un folle percorso in questo mondo in cui più mi ci addentro e più mi affascina, sia dal punto di vista dell’imprenditoria che dalla catena di contatti e relaziono sociali che crea. A Gennaio è prevista la costituzione del Gruppo MEA, la storia si evolve, proprio come in un romanzo, abbiamo in mente mille progetti, io sarò un protagonista assieme ai miei soci. Per mia natura ho come unica forza vitale la “perseveranza”, unica arma che può portare una persona al successo, mai arrendersi, mai restare fermo, sempre in continuo movimento ed evoluzione. Lo stesso mood che ho trovato nel mio socio Enrico e in chi costituirà con noi il Gruppo MEA.

Grazie, Antonio, per il senso consapevole di quale fascino e quale fatica implica il tuo lavoro, e per quel sorriso che io vedo tra le parole. (Da napoletano, grazie anche per aver incentrato il vostro cammino sulle sponde affascinanti di questa città, siano esse persone o storie).

Ringrazio Salvatore Stefanelli per avermi dato la possibilità di questa intervista.

 

cc  CSide Writer – Salvatore Stefanelli  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...