C-Cinque + 1 – Luca Di Gialleonardo

CCinque + 1 le cinque domande +1 di Salvatore Stefanelli

Cinque domande + 1, sempre le stesse, per un botta risposta con l’autore, per scoprirlo, per conoscerlo, e perché no… per leggerlo!

1) Ciao Luca. In poche parole: da quando scrivi, cosa scrivi e cosa leggi?

Ho iniziato a scrivere praticamente subito, non appena imparato a scuola. Devo ringraziare la mia maestra delle elementari che spesso ci dava, come compito per casa, di scrivere una storia su un determinato argomento. Sono stati quei compiti a farmi capire che scrivere storie mi piaceva. Leggo un po’ di tutto, fantasy e fantascienza, storico, gialli e thriller e allo stesso modo scrivo in tutti questi generi.

2) Di tutto quanto hai scritto, cosa consiglieresti a chi vorrebbe leggerti e perché? Preferibilmente un titolo solo.

Un romanzo e un racconto.

Come romanzo “Direttiva Shäfer”, (DELOS DIGITAL, solo ebook), un romanzo di fantascienza molto allegro e pieno di azione, arrivato finalista ai premi Urania e Odissea.

Come racconto “Trenta baiocchi”, (DELOS DIGITAL, solo ebook), un giallo ambientato a Roma, sul finire del ‘700, durante la Repubblica nata sulla scia della Rivoluzione Francese, ma durata molto poco.

3) Consigli per chi si approcci adesso alla scrittura: cosa fare e cosa non fare, secondo te.

Oltre a consigliare, come tutti, di leggere sempre molto, il mio consiglio a chi vuole scrivere in modo professionale è fare una grandissima scorta di due ingredienti: MODESTIA e PAZIENZA.

Ho avuto spesso a che fare con autori alle prime armi, che avevano scritto un romanzo e si sentivano già pronti a pubblicare. Di solito, le prime cose che si scrivono sono da buttare (io ho i cassetti pieni di roba), anche se a noi sembrano capolavori. Bisogna quindi avere la capacità di capire che la strada è lunga, che probabilmente bisognerà scrivere tanto prima di arrivare a un buon livello, che quelle prime cose saranno un fondamentale allenamento, ma non il traguardo.

La mancanza di modestia e pazienza spesso porta un unico risultato: editori a pagamento. Quei tizi sono davvero bravi a scovare gli autori che mancano di queste caratteristiche.

4) Cosa stai scrivendo in questo periodo o, cosa vorresti scrivere?

È un periodo molto intenso con la scrittura. Sto seguendo vari progetti, ma quello su cui da un po’ di tempo sto riversando maggiori aspettative è un romanzo storico scritto a quattro mani che spero davvero di veder pubblicato entro il 2021 (a proposito di pazienza…)

5) Quale autore, presente o passato, ti piacerebbe poter conoscere e cosa vorresti dirgli?

Tanti, ma ne cito due, che sono stati per me dei maestri.

Ken Follett, che con i suoi romanzi mi ha insegnato molto sulla scrittura, ed è riuscito con un suo romanzo a farmi passare la voglia di leggere, per paura di non riuscire più a provare le stesse emozioni.

Michael Ende, il primo autore a farmi sognare con i suoi romanzi e a ispirarmi da ragazzo.

5+1) Raccontati in un racconto.

Mi racconto con un una versione ridotta di “Miss Teik”, il primo testo che ho pubblicato e a cui sono molto affezionato.

Buongiorno, io sono Miss Teik, un folletto distur­batore, più precisamente un disturbatore letterario. Tormento gli scrittori, modificando i loro scritti, nascondendo gli appunti e tante altre pia­cevoli pratiche atte a creare scompiglio. Ho iniziato la carriera qualche secolo fa, quando fui assegnata a un giovane poeta ancora in erba, un certo Dante Alighie­ri.

Ora mi occupo di Luca. Simpatico, sì, ma lo scrittore non è il mestiere che fa per lui. Io ho lavorato con dei maestri, so quello che dico.

Di solito ci vuole un po’ prima che Luca si accorga del mio intervento, e quan­do succede la scena è esilarante! Si maledice, si chiede come sia possibile che dopo decine di revisioni riesca­no ancora a sfuggirgli certi errori. La sua fantasia non è così aperta da sospettare la mia esistenza, per questo non è adatto a fare lo scrittore.

Perdonatemi, ma ora devo andare, il lavoro mi aspetta. Luca si pè aloontanato dal comu­ter per andarare in bagno. A presto, acari amici!

Grazie, Luca, per i tuoi consigli e per la simpatia. Canestrini per ogni tuo progetto attuale e futuro, sicuro che presto leggeremo ancora di te e di tuo. Ciao.

Grazie a te e a tutti coloro che hanno letto fino a qui l’intervista. 

cc  CSide Writer – Salvatore Stefanelli  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...