C-Cinque + 1 – speciale fumetto – Marika Michelazzi

CCinque + 1 le cinque domande +1 di Salvatore Stefanelli

Cinque domande + 1, adattate questa volta in uno speciale per parlare di fumetto, per un botta risposta con l’autore, per scoprirlo, per conoscerlo, e perché no… per leggerlo!

1. Ciao Marika. Quando hai scritto e disegnato la tua prima storia a fumetti, quale genere prediligi per le tue storie e cosa ti piace leggere, anche di non fumettistico?

Ciao! Ho disegnato le mie prime pagine attorno ai 12 anni, ma poi mi sono spostata verso l’illustrazione e solo in un secondo momento sono tornata sulla narrazione sequenziale.

Per il mio lavoro prediligo il fantasy, ma declinato nel mito, nella storia e nel folklore: nel mio lavoro la parte più importante è infatti la ricerca di fonti, sia storiche, letterarie e archeologiche, per proiettare i lettori nel periodo che sto raccontando.
Leggo fumetti e romanzi, ovviamente fantasy, ma anche molti saggi, storici, horror, cronaca, scifi… in realtà leggo quasi di tutto, gli unici generi che evito sono il giallo e le slice of life, che detesto cordialmente. Per me ha molto peso anche la musica e il cinema, sia come intrattenimento che come forma primaria di ispirazione e studio.

2. Di tutto quanto hai pubblicato, cosa consiglieresti a chi vorrebbe leggerti e perché? Preferibilmente un titolo solo.

Io produco tanto ma rendo fruibile molto poco. Attualmente ho pubblicato qualche racconto e storia a fumetti breve. Il mio lavoro più lungo e più adulto al momento è “Chiantishire”, il mio titolone autoprodotto: menadi, divinità, etruschi, flashback: un highlander a fumetti ambientato in Toscana con un po’ di sailor moon e heavy metal.

3. Consigli per chi si approcci adesso al mondo del fumetto autoriale: cosa fare e cosa non fare, secondo te.

Studiare, pianificare, leggere, fare amicizia, produrre, sincerità.
Studiare molto per il proprio titolo (disegno e storia), pianificare il tempo di produzione, i costi e gli eventi.

Leggere sempre e tantissimo, soprattutto ciò che ci circonda nella nicchia evolutiva che vogliamo riempire. Fare amicizia con altri autori e autrici senza paura: abbiamo tutti una vita e lavori che ci mantengono “coi piedi per terra”, ma coi creativi si mantiene la testa per aria. Produrre sempre, senza paura, non aver paura di avere la propria voce. E sincerità: fare le cose che ci piacciono davvero, non quelle algoritmate dai social che se non è nelle nostre corde il pubblico lo sa.

4. Quale storia stai scrivendo/disegnando in questo periodo o, quale vorresti?

Sto lavorando sul secondo volume di Chiantishire (che racchiude i capitoli 4, 5, e 6), sto scrivendo un romanzo per Acheron books dopo che ho passato la loro selezione. Vorrei riprendere un vecchio progetto che ho presentato per il mio esame alla Scuola di fumetto di Milano (un supereroistico che ho riconvertito a urban fantasy, perché il ‘mondo’ in cui i miei personaggi si muovono, anche di storie diverse, è lo stesso). Da qualche tempo invece ho maturato l’idea che vorrei lavorare su una storia a fumetti basata su un contesto molto più attuale e biografico, per cui per nulla fantasy, ma tutto storico e cronachista.

5. Quale autore, anche non necessariamente di fumetti, presente o passato, ti piacerebbe poter conoscere e cosa vorresti dirgli?

Ne avrei mille, ma se potessi fare quattro chiacchiere con chiunque nel tempo e nello spazio sceglierei prima di tutti Robert E. Howard, ma sarebbe una conversazione molto privata.

E poi tutti gli altri cianciando di com’erano i loro tempi.

5+1. Raccontati in un racconto.

Marika nasce nella periferia di Milano. Ci cresce, ci studia, ci lavora e l’abbandona solo il tempo che basta per studiare qualcosa di più in Toscana.
Dato che parecchie delle azioni epiche e disgraziate che vorrebbe attuare non sarebbero socialmente accettabili, ha assoldato un cast di personaggi immaginari per interpretarle su carta.

Attualmente li sta formando.

Grazie Marika per averci detto qualcosa di te. Canestrini per ogni tuo progetto e per i tuoi sogni.

Grazie a te per la chiacchiera!

 

cc  CSide Writer – Salvatore Stefanelli  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...