C-Cinque + 1 – Valerio Marra

CCinque + 1 le cinque domande +1 di Salvatore Stefanelli

Cinque domande + 1, sempre le stesse, per un botta risposta con l’autore, per scoprirlo, per conoscerlo, e perché no… per leggerlo!

1. Ciao Valerio. In poche parole: da quando scrivi, cosa scrivi e cosa leggi?

Ciao. Che dire: praticamente scrivo da quando ho ricordi. Anche se, in maniera “professionale”, scrivo “solo” da qualche anno. Scrivo e leggo di tutto, anche se mi sto concentrando prevalentemente sul genere thriller/giallo.

2. Di tutto quanto hai scritto, cosa consiglieresti a chi vorrebbe leggerti e perché?

Beh, sono sempre per consigliare il libro più recente. Tuttavia, voglio fare uno strappo alla regola e mi sento di suggerire la nuova edizione di un romanzo già pubblicato nel 2016 (“il volto del Male”) che uscirà per Newton Compton il 9 maggio 2019, con il nuovo titolo “La donna del lago”.

3. Consigli per chi si approcci adesso alla scrittura: cosa fare e cosa non fare, secondo te.

Consiglio semplicemente di studiare, leggere e scrivere. Studiare, leggere e scrivere. Non c’è altro modo. E non c’è mai stato.

Non consiglio, invece, di sentirsi arrivati, appagati. Non bisogna mai scrivere per rivalsa, per sentirsi importanti o per denaro (semmai davvero si possa parlare di denaro quando parliamo di romanzi). Bisogna scrivere solo se questa è un’esigenza dolorosa. Un fuoco dentro che ti brucia e lascia senza fiato.

4. Cosa stai scrivendo in questo periodo o, cosa vorresti scrivere?

Non sto scrivendo. Ho concluso da qualche mese il nuovo romanzo e, come si dice spesso, sto ricaricando le batterie. Mi piacerebbe scrivere un romanzo storico. Chissà…

5. Quale autore, presente o passato, ti piacerebbe poter conoscere e cosa vorresti dirgli?

Ho avuto l’onore di conoscere tanti autori e, con alcuni di loro, è anche nata una bella amicizia. Se proprio, però, devo fare un nome, direi la “mitica” Danila Comastri Montanari, con la quale mi scrivo su Facebook, senza però averla mai conosciuta di persona. Ecco, se dovessi andare a Bologna, andrò sicuramente a salutarla.

5+1. Raccontati in un racconto – hai max 1000 battute, da utilizzare in forma di racconto, con un inizio, una parte centrale e una fine, per dirci qualcosa di te.

Scrivere di me è sempre difficile. In genere faccio parlare i personaggi o le storie. Oggi, invece, mi faccio raccontare da una canzone: “una vita da mediano”, di Luciano Ligabue. Ecco, ho sempre lavorato sui polmoni e giocato generoso, anche quando correvo sul campo di calcio. A recuperar palloni e nato senza i piedi buoni. Passare la palla a chi finalizza il gioco e restare lì, sempre lì nel mezzo. Però, dopo anni di fatiche e botte, sono riuscito a vincere il mio mondiale.
L’ostinazione, non il talento, ha salvato la mia vita.

Grazie, Valerio, per tutto quanto ci hai detto. Canestrini per il tuo futuro di scrittore.

Grazie a te, Salvatore. Grazie di cuore per l’opportunità.

cc  CSide Writer – Salvatore Stefanelli  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...