C-FantastiChe – Dario Tonani

CFantastiChe le interviste raccontate di Stefania Fiorin

A metà fra racconto e intervista, a metà fra una conversazione e un pensiero. Non chiamatele interviste, non chiamateli racconti, chiamatele “Le interviste Fantastiche”.

Dario Tonani

Mi trovo ad Arona, sulla sponda piemontese del Lago Maggiore, per un appuntamento con il proprietario unico di un universo: Dario Tonani, scrittore di thriller, SciFi, new weird, autore della saga di Mondo9; gli farò una speciale intervista fantastica.
Ci incontreremo nei pressi dell’imbarcadero alle 09.00 precise, lui ha voluto così.
Il lungolago affollato è in parte chiuso da un’alta rete di recinzione che protegge l’area occupata da banchi che, in occasione della fiera Garden, espongono piante e fiori di innumerevoli qualità.

Mancano venti minuti all’ora prevista, mi avvicino al molo da dove parte il battello diretto ad Angera; il lago blu, nell’immobilità quasi irreale, è più tranquillo che mai.

All’improvviso nell’aria echeggia un baccano infernale, proviene dal motore di un velivolo simile a un elicottero. Lo riconosco, è un raro modello di pettinatore; non avrei mai immaginato di vederlo sorvolare la zona, eppure accade. Sono emozionata! Senza alcun dubbio posso affermare che si tratta di un’opera di Khaled, il migliore costruttore di pettinatori del pianeta desertico Mondo9, alchimista in grado di trasformare il metallo in carne. L’evento è unico e attira gli sguardi incuriositi di decine di persone che si sporgono dal parapetto per osservare il volo di questa strana macchina volante.

Mi sposto di qualche metro e mi preparo a ricevere l’ospite.

Il pettinatore stalla, si avvita, riprende portanza, quindi si abbassa, sfiora la superficie del bacino. Traballa, frena, si alza e poi abbassa di nuovo; l’ammaraggio è difficoltoso. Il pettinatore è più adatto ad affrontare dune di sabbia, ma il comandante sa il fatto suo e, spento il motore e fermata la pala, fa schiudere le ali a forma Chiroptera, poi, con un’abile manovra, adagia il mezzo che galleggia e, aiutato dalla spinta delle onde, giunge in riva.

Il pilota si libera del casco, con un balzo scende a terra: sono le ore 09.00 di una luminosa mattina di fine estate.

 

Mi dirigo verso Tonani che, accortosi della mia presenza, alza le braccia e le agita in segno di saluto.

Gli do il benvenuto: – Ben arrivato, Tonani. Che puntualità!

Ciao, Stefania. Sono un tipo preciso in tutto quello che faccio. Berrei volentieri un caffè, se fosse possibile.

Sì, lo so che ama la precisione. Per il caffè c’è il bar Stromoka, basta attraversare la strada. Faremo l’intervista lì, seduti a un tavolino, le va bene?

Va bene. Ricorda che, come ho anticipato, risponderò solo a tre domande, e , per favore, dammi del tu che il lei mi fa sentire vecchio.

Perfetto, Dario. Andiamo, allora!

L’uomo mi precede. Ho la sensazione che ci sia un’ombra d’insicurezza nei suoi passi: a tratti perde l’equilibrio che riacquista, però, in un lampo. Realizzo che il colpevole potrebbe essere l’asfaltatura irregolare del manto stradale.

Arrivati alla caffetteria, ci accomodiamo all’esterno. Prendiamo posto rivolti allo spettacolo naturale dello specchio d’acqua .

Ordinate le bevande, chiedo a Dario il consenso per procede all’intervista che viene accordato. Ho poco tempo e solo tre domande, le dovrò formulare nel migliore dei modi per fargli rivelare anteprima sul suo ultimo romanzo: Naila di Mondo9, in uscita verso l’estate 2018 nella Collana Oscar Fantastica Mondadori

S – Dario, inizio con Naila, È un nome che mi piace molto, ha le caratteristiche di essere breve, facile da ricordare e parlare di mondi lontani; si chiama così la protagonista del tuo nuovo romanzo. Si tratta, però, della stessa ragazzina di tredici anni, raccoglitrice di mangiaruggine, che abbiamo iniziato a conoscere nelle Cronache di Mondo9, quando salì sulla nave Afritania da cui non poté più scendere. Dico bene, Tonani?

D – Sì, certo, è come dici. Naila di Mondo9 è la sua storia esattamente trent’anni dopo. Unica comandante donna di Mondo9, si trova in un ambiente tipicamente maschile della marineria ed è molto osteggiata anche se in fondo è molto stimata perché è un genio. Lei, più di ogni altro, capisce la nave che governa e questo le attira sgarbi e cattiverie in ogni porto in cui arriva. In fondo è una storia anche sulla condizione femminile in ambiti professionali molto maschili, presente in tanti mondi, purtroppo!

S – Cosa troveremo di nuovo, o di diverso, dalla tua prima opera Cronache di Mondo9 ?

D – Non posso anticipare granché, ma posso dirti che i lettori, in Naila di Mondo9, troveranno una storia inattesa e coinvolgente, ricca di grandi emozioni umane, e non solo di navi.

S – Siamo arrivati alla terza e ultima domanda, Dario. Ne avrei a decine in lista, ma le terrò per una prossima occasione. Vorrei chiudere chiedendoti di raccontare una cosa, fatto o dettaglio, che nessuno sa.

D – Sì, immagino che tu abbia ancora una buona dose di curiosità, ma vedrai che le risposte arriveranno quando leggerai il libro e lo renderanno ancora più interessante. Al momento posso rivelare che nel romanzo si capirà di più circa la natura delle navi, si saprà da dove arrivano. E ci sarà una nuovissima nave: la Pertinace, che avrà un ruolo molto importante alla fine della storia; il suo nome è stato suggerito da un affezionato lettore che l’ha proposto in una sorta di concorso-flash lanciato da me su una pagina Social.

S – Non voglio insistere, capisco perfettamente. Ti ringrazio per questo assaggio di notizie; credimi, non vedo l’ora di poter leggere le avventure di questa donna forte e coraggiosa. Sarà una piacevole attesa.

D – Grazie a te, Stefania. Ho gradito la chiacchierata. Mi scuso per il poco tempo che ho potuto dedicare all’intervista, è che devo risalire subito sul pettinatore, ma non posso dirti dove sono diretto. Ah, dimenticavo! Ho un dono per te, spero apprezzerai.

Tonani estrae dalla tasca del giubbotto in cuoio una piccola bottiglia che porge.
L’etichetta informa che si tratta di una rarissima “grappa di formiche“.

S – Grazie infinite! Non sono una gran bevitrice, ma l’assaggerò volentieri.

Abbasso lo sguardo, cerco la borsa per infilarci l’omaggio. Sotto il tavolo noto la gamba sinistra tesa di Dario che, irrequieto, muove in continuazione come se non trovasse pace. Una parte della caviglia si rivela da sotto l’orlo sollevato dei pantaloni. Sono sbalordita! Quello che vedo è indescrivibile, tanto da farmi temere di essere nel mezzo di un sogno, o forse di un incubo. Ma lui è qui, davanti a me, reale, in carne, ossa e ottone.

Biografia:

Milanese, Dario Tonani è laureato all’Università Bocconi in Economia Politica, ma sceglie di dedicarsi a tempo pieno alla scrittura. Lavora, infatti, come giornalista professionista nelle redazioni di importanti testate specialistiche come “Quattroruote” e “Ruoteclassiche”, dove attualmente è in forze.

A novembre 2012, nella collana “Odissea Fantascienza” di Delos Books viene pubblicato “Mondo9” (Il ciclo completo), romanzo fix-up che riunisce — rielaborate, arricchite e collegate — le prime quattro le novelette steampunk uscite in ebook.

Il 22 febbraio 2014, “Mondo9” è uscito in Giappone.

Con le sue storie (alcune delle quali pubblicate all’estero) vince numerosi concorsi, tra i quali nel 1989 il Premio Tolkien, il Premio Robot (2013), il Premio Cassiopea (2013), due volte il Premio Lovecraft (1994 e 1999) e sette il Premio Italia (1989, 1992, 2000, 2012, 2013, 2014 e 2015).

“Premio Europa 2017” come “Best Author” (Eurocon di Dortumund, 17/6/2017)

Sposato, ha un figlio ventenne, vive e lavora nella periferia del capoluogo lombardo, a due passi dagli stessi luoghi che descrive nei suoi romanzi. Attualmente sta alternando la scrittura del sequel di “Mondo9” con lo sviluppo di un progetto seriale di Military Science Fiction

Ad agosto 2015 è stato pubblicato Urania Millemondi Cronache di Mondo9

A febbraio 2016 è uscito il suo ultimo racconto in ebook per Delos digital : Schegge di una città di plastica.

Uscirà nella primavera 2018 il nuovo romanzo. Naila di Mondo9, Collana Oscar Fantastica Mondadori.

 

cc  CSide Writer – Stefania Fiorin  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...