La vincita – Ida Ferrari

C-BookLe recensioni (227)

LA VINCITA

Ida Ferrari

(Golem)

Il lato A (la copertina)

Il lato B (la storia, i protagonisti)

Ritrovare Ida Ferrari e la sua scrittura scorrevole è un piacere che si dipana in una trama avvincente. La vincita parte dallo spunto di un biglietto della lotteria e porta il lettore attraverso, amori traditi, amori sinceri, amori contraccambiati, amori che nulla hanno a che fare con l’amore. Un giallo d’investigazione che non abusa dei linguaggi, che crea una correlazione credibile e ben strutturata fra le vicende, fra i personaggi. E sono proprio i destini dei personaggi a incrociarsi al di là di ogni aspettativa, al di là della vicenda iniziale. Malavita russa, anzi ucraina, sfruttamento delle persone più deboli, ma anche di quel ceto benestante che non necessariamente vive meglio di chi non ha disponibilità economica. La trama parte da Klara e Jacob, dalla loro relazione, dalla loro vincita alla lotteria. Ma i mondi di Klara e Jacob sono distanti e i loro sentimenti così vicini da creare una miscela esplosiva, e quando Klara sparisce, trovarla diventa una necessità che va oltre “la vincita”. Saranno Simona Fontana e Paolo Bosco, soci della Fontana Investigazioni a cercare di ritrovarla, lei e il biglietto vincente che è sparito con la bella ucraina. E’ a questo punto che si incrociano i destini, è a questo punto che vicende parallele convergono e si accavallano in un gioco investigativo degno dei migliori gialli, quelli che non usano scene forti, quelli in cui districare la matassa degli indizi diventa un piacevole gioco fra scrittore e lettore, quelli in cui non riesci a staccare gli occhi dalle pagine perché vuoi a tutti i costi sapere come andrà a finire.

Il lato C (il pensiero di CSide Writer)

Quando scrivi bene e costruisci una trama intrigante non ti serve altro

Dopo il lato C (una citazione, una frase)

Tratto da pag. 52

Una donna arrabbiata non pesa le parole, è sempre un canale da sfruttare.

Tratto da pag. 157

Un buon investigatore si tuffa nel caso. Sta sotto, in apnea. Ne riemerge solo con la soluzione. Allora il suo respiro sarà liberatorio.

Tratto da pag. 233

Il caso non ha sentimento… omissis …Siamo noi che gli attribuiamo i significati in base alle situazioni che viviamo.

cc CSide Writer – Marco Ischia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...