C-Editoriali – dal digitale alla carta stampata…

C-Editoriali Divagazioni sul tema (41)

Dal digitale alla carta stampata…

rosalia-messina  messina_cover_morivamo-di-freddo

Ci sono notizie nel campo dei libri che fanno aprire l’espressione in un sorriso, e questo è il caso di un libro che si afferma. Ne parliamo perché “Morivamo di freddo” scritto dalla brava Rosalia Messina edito da Durango, di cui vi avevamo parlato grazie all’amico Diego Di Dio, proprio nel mese di gennaio è passato dalla versione digitale alla versione in carta stampata. Per chi non è pratico del mondo dell’editoria magari non sarà una grande notizia, ma per tutti quegli autori che sono sempre alla disperata ricerca di un editore che creda in loro e in ciò che scrivono, questa è una notizia che porta con se un significato importante. Per cercare di spiegare meglio, significa che quando un libro inizia ad affermarsi nel mercato digitale, l’editore capisce che può investire più risorse e proporre anche la versione cartacea che per ovvie ragioni ha dei costi maggiori, sia in termini di produzione che di distribuzione.

Non ci dilunghiamo oltre e l’unica cosa che ci rimane da fare è complimentarci con Rosalia e augurare buona lettura a tutti… che amiate il digitale o la carta stampata, non avete più scuse!

Link alla scheda libro: 

https://csidewriter.wordpress.com/2016/09/01/morivamo-di-freddo-rosalia-messina/

Link all’intervista con Rosalia Messina:

https://csidewriter.wordpress.com/2016/09/15/c-incontri-le-interviste-rosalia-messina/

 

cc CSide Writer – Marco Ischia

Annunci

Un commento

  1. Ringrazio di cuore Marco Ischia per l’attenzione a Durango e a questo libro, e lo ringrazio anche perché mi dà l’opportunità di chiarire lo spirito di Durango Edizioni.
    Che “quando un libro inizia ad affermarsi nel mercato digitale, l’editore capisce che può investire più risorse e proporre anche la versione cartacea” è effettivamente quello che succede di solito. Quello che cerchiamo di fare noi è un’altra cosa, e per farlo ci affidiamo a tecnologie che oggi ci permettono di ragionare diversamente.
    Sin da quando contribuii alla fondazione di Durango Edizioni, un paio di anni fa, la scelta fu di dedicarci ad esplorare le possibilità offerte dal digitale, fuori dalle logiche del “derby” fra la carta e l’e-book. Ora, con il romanzo di Rosalia Messina, usciamo sul mercato dei libri di carta, ma sempre nella stessa logica: le tecnologie digitali oggi ci permettono di stampare un libro di carta anche in un’unica copia, in modo sostenibile da tutti i punti di vista; di dargli una vita più lunga dei soliti quindici giorni che un titolo passa sugli scaffali delle grandi librerie (quando ci arriva…); di aprirgli la strada delle librerie tradizionali in un modo che è molto conveniente anche per i librai.
    Non vediamo la carta come una forma più “nobile” o più compiuta del libro: vediamo il digitale (sia fatto di bit, sia fatto di carta) come un’opportunità per migliorare la vita di chi legge (e di chi scrive) e per moltiplicare le occasioni di godere della lettura.
    La più evidente delle conseguenze di questa idea è che decidiamo di lavorare a un libro non soltanto quando questo promette grandi ritorni economici, ma quando pensiamo che abbia senso farlo. Certamente poi il nostro desiderio è che i nostri libri abbiano la più ampia diffusione possibile: ma le tecnologie che stiamo apprendendo (grazie alla collaborazione con Streetlib) ci regalano la libertà di dedicarci a un progetto semplicemente perché pensiamo che valga, e la speranza che le vendite ricompenseranno questo approccio (probabilmente non a brevissimo termine, ne siamo consapevoli).
    Siamo arrivati ora a questo esperimento perché ora questa possibilità esiste, e perché il gruppo di lavoro di Durango si è arricchito di nuove persone impegnate e appassionate. L’idea è di continuare a lavorare su entrambi i binari per le prossime uscite (il mio desiderio sarebbe quello di riuscire a ripubblicare anche i titoli precedenti, ma vedremo), trepidando per i dati di vendita, ma soltanto dopo che il libro l’abbiamo pubblicato!
    Grazie ancora per lo spazio. E grazie a Rosalia Messina che su questo esperimento ha accettato di giocarsi il suo romanzo migliore.

    Massimo Giuliani
    Durango Edizioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...