C-Incontri – le interviste – Rill – Riflessi di Luce Lunare

C-Incontri  Le interviste (56)

rill   rill_1

Oggi su CSide Writer, incontriamo Alberto Panicucci per parlare di “RiLL“, un trofeo letterario dedicato ai racconti di genere Fantasy, che anche quest’anno propone agli amanti del genere la possibilità di cimentarsi in un’avventura fantastica.

CSW: Ciao Alberto benvenuto su CSide Writer, mentre ci accomodiamo sul nostro “fantastico” divano virtuale posso offriti qualcosa da bere?

AB: Grazie mille! Facciamo un bel lambrusco? Noi RiLLini siamo di ritorno da Modena, sulla via Emilia, dove abbiamo partecipato a BUK, il festival della piccola e media editoria. E lì il lambrusco è un classico!

CSW: Credo sia corretto dire che “RiLL” è innanzitutto un trofeo letterario. Ci racconti in breve com’è nato e come si è evoluto?

AB: Il Trofeo RiLL prende il nome dall’associazione RiLL Riflessi di Luce Lunare, che lo organizza. È un concorso per racconti di genere fantastico: possono partecipare racconti fantasy, horror, fantascientifici e, in generale, ogni storia che sia, per trama o personaggi, “al di là del reale”.

I migliori racconti di ogni edizione sono pubblicati, senza alcun costo per gli autori, nelle antologie della collana “Mondi Incantati” (oggi edita da Wild Boar). Inoltre, e questa è una novità dell’ultimo biennio, il racconto primo classificato viene tradotto e pubblicato (sempre gratuitamente) in Irlanda (sulla rivista Albedo One) e in Spagna (su Visiones, l’antologia dell’AEFCFT – Asociación Española de Fantasía, Ciencia Ficción y Terror).

Il Trofeo RiLL è nato nel 1994, quando anche le nostre attività associative e noi RiLLini eravamo un po’ diversi (e giustamente!). A ogni modo, sin da subito il nostro intento è stato sostenere chi scrive Fantastico in lingua Italiana; per questo ci siamo sempre rivolti a tutti gli appassionati, senza distinzioni.

Da molti anni il Trofeo RiLL è la nostra primaria attività associativa; oltre a organizzare il concorso, partecipiamo a festival come Lucca Comics & Games o BUK Modena, e curiamo le antologie delle collane “Mondi Incantati”, “Memorie dal Futuro” e “Aspettando Mondi Incantati” (quest’ultima in formato elettronico), tutte variamente collegate al Trofeo RiLL.

CSW: Il trofeo ha visto un riscontro in termine di partecipanti sempre maggiore. Da qualche anno è nato un connubio anche con il Lucca Comics & Games. Qual è stato in tal senso il riscontro da parte del pubblico?

AB: Il festival di Lucca è la “casa” del Trofeo RiLL (e la sede della sua premiazione) sin dalla prima edizione. È una collaborazione di cui siamo molto felici. I responsabili del festival guardano da sempre con attenzione al mondo dell’associazionismo, e questo è uno dei segreti del loro successo.

Da oltre dieci anni, inoltre, il Trofeo RiLL è realizzato col supporto di Lucca Comics & Games, che patrocina anche la collana di antologie “Mondi Incantati”. Sicuramente questa partnership ha aiutato il Trofeo RiLL a crescere, perché essere associati alla più importante manifestazione italiana che si occupa di immaginario fantastico non è poco.

CSW: Questo è il momento della domanda che proponiamo sempre ai nostri ospiti. Quale potrebbe essere secondo te il lato C della scrittura? E della scrittura fantastica?

AB: Credo che il lato C della scrittura sia quello del messaggio (riflessione) fra le righe, e/o che la lettura provoca. Talvolta è lo scrittore a mettere questo elemento, scientemente, fra le righe della sua storia; altre volte invece è il lettore a trovarci qualcosa dentro (magari di diverso da quello cui l’autore pensava). Per questo ogni lettura (e ogni ri-lettura) è diversa dalle altre… perché ogni volta legge una persona diversa (anche se magari è sempre Alberto!).

CSW: Pensando di parlare con uno scrittore, ci sveli un buon motivo per cui un autore dovrebbe pensare di partecipare al Trofeo RiLL? E un motivo per non partecipare?

AB: Banalmente potrei dire che si può decidere di partecipare per i premi in palio (la pubblicazione su “Mondi Incantati” e, se arrivi primo, anche all’estero). Oppure perché val sempre la pena di fare una gita a Lucca Comics & Games, per la premiazione.

Più in generale, penso che il Trofeo RiLL sia uno spazio di confronto per chi scrive. Un confronto virtuale, ma comunque utile. I lettori-selezionatori del Trofeo RiLL sono una ventina, che leggono i racconti senza conoscere il nome degli autori e si confrontano fra loro nel valutare i racconti; inoltre, i racconti finalisti sono sottoposti a una giuria qualificata (formata da scrittori, giornalisti, accademici…), che decide i racconti da premiare.

Ogni partecipante, infine, riceve in omaggio una copia dell’antologia del concorso, e questo è anche un modo per conoscere nuovi autori, e i loro racconti.

Personalmente, poi, io penso che per noi sia un privilegio ricevere tanti racconti da persone sconosciute: è stimolante, creativo… leggo sempre con curiosità i racconti di ogni annata (e ringrazio gli autori per l’entusiasmo e la fiducia, che sono la “benzina” che ci fa continuare).

Perché non partecipare, allora? Beh, magari perché si scrivono romanzi, o storie non fantastiche.

O perché, semplicemente, si preferiscono altri concorsi. Massimo rispetto, ci mancherebbe.

CSW: Potendo avere a disposizione una macchina del tempo, quale autore del passato vorresti veder partecipare al Trofeo RiLL?

AB: Avendo a disposizione una macchina del tempo, vorrei potere portare fra i giurati qualche grande del passato, tipo Asimov o Tolkien, oppure Orson Welles (che in effetti di fantastico ha fatto solo “La guerra dei mondi” alla radio, ma per me è un grande!!).

La giuria del Trofeo RiLL ha al suo interno già molti scrittori di valore (come Donato Altomare, Pierdomenico Baccalario, Mariangela Cerrino, Giulio Leoni, Gordiano Lupi, Massimo Mongai, Massimo Pietroselli, Sergio Valzania); abbiamo anche un’accademica statunitense che insegna e studia la fantascienza italiana (Arielle Saiber, del Bowdoin College, in Maine)… ma se CSW mi mette a disposizione una macchina del tempo… sai com’è… uno esagera!!

CSW: Giunti ormai alla XXII edizione, quali progetti state pensando per il futuro?

AB: Le iscrizioni al XXII Trofeo RiLL sono aperte sino al prossimo 21 marzo. Intanto direi che dobbiamo finire di reclamizzare il concorso e raccogliere iscritti… e a quel punto, sempre davanti a un bel lambrusco, sarò ben contento di svelarti qualche novità!

CSW: Grazie per essere stato con noi in questa intervista “fantastica”. Prima di lasciarci ci regali un C-saluto?

AB: C-sentiamo presto? C-salutiamo a Lucca? C-soddisfa molto questa intervista.

Quindi: grazie ragazzi, e… forza CSW!!!

 

cc CSide Writer – Marco Ischia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...