39 C-Cento modi di morire in un libro

C-Cento modi di morire in un libro La rubrica

libro nr. 39

a milano

Titolo: A Milano si muore così

Autore: Adele Marini

Come si muore in un libro a Milano? Uccisi dalla ‘ndrangheta. E a firmare gli omicidi un colpo di pistola, una Beretta calibro 7.65. In questa storia articolata in un sapiente intreccio narrativo, si viene catapultati in quella realtà fatta dalle vite dei poliziotti, dei magistrati, dei collaboratori di giustizia, ma anche e soprattutto, in quelle vite condizionate dai boss. Esistenze scandite da regole non scritte, ma non per questo meno rispettate o fatte rispettare. E’ si perché quando ricevi, prima o poi devi restituire, e quando ricevi con apparente generosità, quando ti viene presentato il conto, c’è chi si aspetta altrettanta disponibilità nell’assolvere al debito.

Chiacchieriamo con Adele Marini per cercare di capire quali sono i meccanismi che fanno morire un personaggio in un determinato modo.

CSW: Ciao Adele, benvenuta con il tuo libro nella rubrica dei cento modi di morire in un libro. Posso offrirti qualcosa da bere, magari un caffè in quel bar vicino alla questura?

AM: Mmmm… meglio di no. Lì tanti mi conoscono e non tutti mi amano.

CSW: Come nasce in generale secondo te l’idea di far morire un personaggio in un determinato modo?  E nello specifico in un libro di mafia come il tuo “A Milano si muore così” la Beretta calibro 7.65 è una necessità di trama oppure ha qualche altro significato?

AM: I modus operandi e le armi del delitto, così come le scene del crimine, nei thriller e nei noir sono, o dovrebbero essere, funzionali e pertinenti agli scenari e soprattutto alle vicende narrate. Parlando di criminalità organizzata e non dei Borgia non avrebbe avuto senso ammazzare la gente con il veleno.

La Beretta 7.65, una semiautomatica, è fra le armi più diffuse. Essendo relativamente leggera, maneggevole e semplice, è in dotazione alle forze dell’ordine, dalla polizia municipale in su. Ed è l’arma preferita dalle società di security. Non dico altro per non svelare la trama.

 CSW: Quanto può essere importante e quanto può influenzare secondo te la narrazione di uno specifico modo di morire?

AM: Poiché A Milano si muore così è un thriller non fiction, ho cercato di seguire una delle regole basilari della scrittura di genere: quella della verosimiglianza.

CSW: Nel tuo libro muoiono più personaggi e muoiono in maniera diversa. Perché secondo te a volte personaggi diversi sembrano richiedere modi di morire diversi?

AM: Siamo sempre lì: perché la trama lo ha richiesto. La criminalità uccide in modo spiccio, a meno che non ci sia l’esigenza di depistare o di mandare messaggi eloquenti e definitivi a qualcuno Comunque ogni dettaglio è stato mutuato dalla realtà.

CSW: Parlando sempre di modi di morire in un libro, sai già come morirà il tuo prossimo personaggio?

AM: Ehi, non so nemmeno chi sarà il mio prossimo personaggio! Ci sto lavorando ma nel frattempo diamogli un po’ di vita. Comunque non amo la macelleria e qualunque arma scelga non insisto mai con descrizioni Grand Guignol. L’orrore deve essere mentale, deve scaturire dalle situazioni non dalle descrizioni.

 CSW: Grazie per essere stata con noi con il tuo libro, il commissario Marino, la commissario Leoni, e il simpatico Edoardo, nella classifica dei Cento modi di morire in un libro.

AM: Grazie a te. E grazie di aver accennato ad Edoardo. In questo momento è qui, alle mie spalle, e non fa che urlarmi negli orecchi “Voglio la mia cenaaaaa!. Se non la smette gli tiro il collo e per lui sarà un modo molto verosimile di morire.

(Quello nella foto è proprio lui, Edo)

edo

39 La classifica

 

cc CSide Writer – Marco Ischia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...